In data 10 luglio 2020 ha avuto luogo l’insediamento del nuovo Consiglio di Amministrazione della Fondazione FASC – Fondo Agenti Spedizionieri Corrieri, a seguito del quale sono stati eletti:

            Enore Facchini alla carica di Presidente

            Valter De Bortoli alla carica di Vicepresidente

Gli altri componenti del Consiglio di Amministrazione sono i signori:

Roberto Alberti,  Claudio Claudiani, Michele De Rose ,  Orazio Diamante, Gian Enzo Duci,  Fabio Marrocco,   Giuseppe Mascioli,  Francesco Nasso,  Marco Odone,  Giancarlo Saglimbeni,  Enzo Solaro, Maurizio Vellisco.


 

A seguito dell'approvazione del bilancio di esercizio 2019 avvenuta lo scorso 25 giugno 2020, nella sezione Area Riservata Iscritti sono state rese disponibili le comunicazioni periodiche agli iscritti relative all'anno 2019.

Si rammenta che per effettuare l'Accesso Area Iscritti è necessario essere in possesso delle proprie credenziali: userid (codice fiscale) e password (fornita dal FASC al momento dell'iscrizione).

Per gli iscritti registrati è possibile recuperare le credenziali d'accesso mediante la funzione Recupera Password Iscritti. Alternativamente, è possibile registrarsi ed ottenere le credenziali d'accesso alla propria area riservata con la funzione Richiesta Credenziali Iscritti.

 

 

Il Consiglio di Amministrazione di Fasc, in data 25 giugno 2020, ha approvato il Bilancio d'Esercizio relativo al 31 dicembre 2019. Scarica qui il


A seguito dell'emergenza sanitaria nazionale e dei recenti Decreti Ministeriali in merito al Covid-19 (Coronavirus), gli uffici della Fondazione FASC resteranno chiusi al pubblico ed i locali interdetti al personale non dipendente.

Sempre in ottemperanza ai Decreti Ministeriali, a partire dal giorno 11/03/2020 il personale della Fondazione svolgerà le sue mansioni in smart working e non sarà quindi presente presso la sede del FASC.

Le Aziende, gli Iscritti e gli Studi CDL possono mettersi in contatto coi nostri uffici utilizzando la posta elettronica scrivendo a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sarà cura dei nostri operatori rispondere in tempi ragionevoli; per imporogabili urgenze è possibile contattare il numero 0248778550 dalle 9,30 alle 12,30, dal lunedì al giovedì.

Relativamente alle pratiche di liquidazione, la documentazione potrà pervenire unicamente a mezzo posta.

 

In relazione al nostro precedente comunicato relativo alla sospensione dei termini dei versamenti contributivi e previdenziali a seguito dell’emergenza sanitaria COVID-19, si precisa che per le imprese aventi i codici ATECO, indicati nella risoluzione n. 14/E dell’Agenzia dell’Entrate del 21 marzo 2020, e che indicano le aziende del settore, trova applicazione la disposizione della prima parte del comma 8 dell’articolo 18 del D.L. 8 aprile 2020 n. 23 che testualmente recita: “Per i soggetti aventi diritto restano ferme, per il mese di aprile 2020, le disposizioni dell'articolo 8, comma 1, del decreto-legge 2 marzo 2020, n. 9, e dell'articolo 61, commi 1 e 2, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18,…”.

 

Facendo seguito alle numerose richieste ricevute, di seguito, in relazione alla quota di contributi Fasc versati dai lavoratori, forniamo alcune indicazioni per la compilazione della CU 2020 da parte delle aziende datrici di lavoro.

SOSPENSIONE DEI TERMINI DEI VERSAMENTI DEI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI E ASSISTENZIALI PER I MESI DI APRILE E DI MAGGIO 2020 A SEGUITO DELL’EMERGENZA SANITARIA COVID-19

 

In relazione alla sospensione dei termini dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali per i mesi di aprile e di maggio 2020, disposta dal Governo a seguito dell'emergenza sanitaria COVID-19, si fa presente che la stessa non opera in modo generalizzato, ma solo per alcuni soggetti e sotto ben definite condizioni.

 

In relazione alla sollecitazione pubblica di offerta per la selezione di fondi di investimento in obbligazioni convertibili, si comunica che la Fondazione FASC, avendo avviato in seno ai propri organi collegiali di amministrazione il riesame della politica degli investimenti, ha deciso di sospendere momentaneamente l’acquisto di quote di fondi di investimento in obbligazioni convertibili in attesa di definizione della nuova asset allocation.